Tariffe del servizio di Tutela

Il prezzo del gas naturale per i clienti del mercato di Tutela

Le condizioni economiche sono espresse, secondo le direttive impartite dall’Autorità:

  • in Euro/anno/pdr (Euro/anno/punto di riconsegna del gas) per quanto riguarda la quota fissa
  • in Euro/GJ (Euro/GigaJoule) per la quota proporzionale al consumo, cioè in termini di energia venduta al cliente e non solo di volume (mc)
  • in Euro/Smc (Euro/mc standard) per alcune componenti costitutive della quota proporzionale al consumo, in termini di volumi determinati a condizioni standard

La quota variabile espressa in €/Smc è diversa a seconda della tipologia della clientela. In particolare, per clienti definiti “condominio con uso domestico” a norma dell’art. 2.3 b del TIVG, “usi diversi” a norma dell’art. 2.3 d del TIVG e “servizio pubblico” a norma dell’art. 2.3 c del TIVG, risulta maggiorata per la componente prevista a copertura del sistema di compensazione tariffaria per i clienti economicamente disagiati.
Anche la quota fissa espressa in €/anno/pdr è diversa a seconda della tipologia di clientela. In particolare è diversa per clienti definiti “domestici” a norma dell’art. 2.3 a del TIVG.
La quota fissa si differenzia inoltre a seconda del tipo di calibro di misuratore gas  installato: da G4 a G6, da G10 a G40 e oltre G40.
Per trasformare il prezzo di riferimento, espresso in Euro/GJ (Euro/GigaJoule), in euro a metro cubo standard (Euro/Smc), in quanto questa è l’unità di misura definita dall’Autorità, si deve utilizzare il coefficiente P (potere calorifico superiore convenzionale) indicato per ogni località (Comune), espresso in GJ/Smc.

Prezzo (Euro/Smc) = prezzo (Euro/GJ) x P (GJ/Smc)

Le tariffe espresse in Euro/Smc sono applicate sui consumi rilevati dal misuratore, successivamente convertiti in mc standard.
Nel caso in cui in un PdR (punto di riconsegna) il misuratore installato non sia dotato di apparecchiatura per la correzione delle misure alle condizioni standard, la correzione ai fini tariffari dei volumi misurati avviene tramite applicazione del coefficiente C previsto dall’art. 6 della RTDG.
C è un coefficiente che tiene conto della quota altimetrica e della zona climatica della località servita.
Non è utilizzato (ovvero assume valore uguale ad 1,00) nei casi in cui i contatori del gas siano provvisti di dispositivi per la correzione dei volumi.
Qualora sulla bolletta fossero indicate ancora precedenti condizioni, il conguaglio avverrà sulla bolletta successiva.
Anche l’entità del P e la tariffa di distribuzione possono essere soggette a conguaglio, in quanto vi possono essere località le cui tariffe sono in corso di approvazione da parte dell’Autorità.

Il prezzo del servizio di vendita viene aggiornato ogni tre mesi dall'Autorità, le tariffe per i servizi di trasporto, distribuzione e gli altri oneri dovuti dai clienti del servizio gas sono stabiliti e aggiornati dall'Autorità.

Sul sito verranno pubblicate le ultime variazioni.  

scarica il file Prezzi gas naturale
01 ottobre 2016

Scarica il file

Per visualizzare i prezzi scaricare ed aprire il file .xlsx, selezionare la regione, inserire il coefficiente P presente sulla propria bolletta del gas