Chiarimenti particolari per il settore commerciale

Per il “settore della distribuzione commerciale” (commercianti) e per gli amministratori condominiali


L’aliquota per “usi industriali” può essere richiesta per i locali in cui viene esercitato il commercio all’ingrosso e al dettaglio, comprensivi di magazzini ed uffici (questi ultimi solo se contigui con le strutture di vendita, ovvero non separati o situati in distinte sedi).

I titolari di attività nel settore della distribuzione (grossisti, dettaglianti, …) che sono intestatari diretti del contratto di fornitura del gas naturale, ovvero ricevono la bolletta del gas a nome della ditta, compileranno, per ottenere l’applicazione dell’aliquota ridotta “industriale”, sempre il modello C1.

Per il “settore della distribuzione commerciale” è previsto però che possano essere inoltrate richieste pure in situazioni in cui il consumo di gas dell’impresa commerciale è promiscuo (con altri usi non “industriali”, ma civili): il negozio avente i locali in un condominio compilerà il modello C2; siccome il consumo del negozio è compreso nel consumo condominiale, l’amministratore condominiale dichiarerà e sottoscriverà in apposito riquadro, contenuto nel solo modello C2, la quota (di solito millesimale) di riparto delle spese di riscaldamento di spettanza della ditta commerciale interessata.

Sulla bolletta di Dolomiti Energia SpA sarà esposta la quota dei consumi ad aliquota civile (intera) separata dalla quota riferibile ai consumi che godono di aliquota ridotta (industriali), che possono essere relativi ad uno solo o più esercizi commerciali; l’Amministratore condominiale sarà quindi in grado di attribuire a ciascun soggetto l’accisa di competenza.

Rinvio normativo :
Per l’applicazione v. nota 12/03/2008 n. 4941/V dell’Agenzia delle Dogane.